Sommario

Eco-natstocer Uno dei settori tradizionali e più importanti dell’industria italiana è quello della ceramica per la produzione di piastrelle, che nel 2007 ha superato i 600 milioni di metri quadrati prodotti, includendo la produzione di impianti situati all’esterno.
Più del 45% di questo prodotto è composto da porcellana dura (gres), un materiale a porosità molto bassa, che presenta proprietà meccaniche elevate e la possibilità di essere trattato come pietra naturale. Le operazioni di finitura sulle piastrelle in gres solitamente coinvolgono il taglio (la tendenza è quella di produrre grandi formati e in seguito tagliarli in parti più piccole), correzione (per ottenere le dimensioni desiderate) e finitura superficiale (in modo da ottenere una superficie lucida assomigliante a pietre naturali ripulite oppure una superficie lappata o addirittura una opacizzata). Questi processi fanno uso di ruote abrasive e di una grande quantità di acqua; inoltre i maggiori rifiuti solidi prodotti sono i fanghi da levigazione altamente inquinanti. Questo tipo di rifiuti presenta gravi problemi di riciclaggio, in quanto è contaminato da particelle abrasive di carburo di silicio, cementi e agglomeranti derivanti dalle ruote di abrasione, i quali, se reinseriti nel ciclo di produzione, creano problemi nella macinazione e nella cottura.
sommario_natScopo del progetto è la realizzazione di un impianto di produzione in grado di produrre piastrelle innovative simil pietra naturale (NATSTOCER = NATural STOne CERamic) grazie ad un processo scrupoloso che sostituisce completamente la fase di finitura superficiale, evitando l’utilizzo di acqua durante la fase di finitura e la derivante generazione di fanghiglia. L’obiettivo è quello di realizzare un sistema completamente chiuso dove tutti i rifiuti solidi prodotti vengono valorizzati all’interno del ciclo produttivo, in un primo momento come materiale abrasivo, e in seguito come materia prima. La riuscita applicazione della tecnologia escogitata condurrà alla produzione di una piastrella con proprietà ed aspetti estetici simili alla pietra naturale, ma con rilevanti vantaggi rispetto alle pietre naturali per i rivestimenti: peso ridotto per unità di superficie, più facile da tagliare nelle forme desiderate, senza difetti e più facile da pulire. Ma, cosa più importante, ciascun metro del nuovo prodotto significherà un metro in meno di pietra naturale sottratta alla nostra terra e al nostro paesaggio.