Sostenibilità ambientale ed economica

Eco-natstocer La sostenibilità ambientale del progetto proposto risiede nell’assenza di rifiuti solidi e fanghi derivanti dalla produzione, grazie all’innovativo trattamento di micro-strutturazione.
Confrontato allo stato dell’arte, il processo convenzionale di levigatura produce 1.95 Kg di fanghi per metro quadrato di prodotto finito; in più, circa 1 Kg per metro quadrato è acqua che viene solo parzialmente recuperata con il sistema di filtropressatura. Questo significa che l’impianto proposto, con una capacità produttiva di 400.000 metri quadrati per anno, evita la produzione di poco meno di 400 ton di fanghi all’anno (peso a secco), e il consumo di una quantità di acqua simile. In più, il riciclo completo dei rifiuti solidi (che tipicamente ammonta a 1,5% del prodotto di prima scelta) implicherà la mancata produzione di 100 ton all’anno di rifiuti ceramici sinterizzati. Queste cifre sono di particolare rilievo nel bilancio ambientale del nuovo impianto, in quanto è in grado di prevenire la produzione di fanghi e la generazione di rifiuti solidi grazie ad un processo a secco.
Eco-natstocer Questo garantisce un consumo molto minore di energia nelle operazioni di finitura, da 2,4 kWh/mq a 0,6 kWh/mq di prodotto finito.
Ultimo aspetto, ma non meno importante, sarà evitato un consumo di 200 mole di finitura all’anno.

Dal punto di vista economico, gli effetti positivi sull’ambiente derivanti da un utilizzo più appropriato delle risorse disponibili e la sostituzione di una operazione ad intensivo consumo di energia (levigazione bagnata) con un trattamento più studiato e meno costoso in termini energetici (micro-strutturazione) ha dirette conseguenze sulla riduzione dei costi di produzione per unità di superficie del nuovo prodotto. Questo permette l’utilizzo di materie prime più funzionali nel corpo ceramico, che porta a un risultato ancora migliore nelle operazioni di micro-strutturazione, sia in termini di qualità di prodotto sia nel consumo specifico di energia, con un ritorno economico non indifferente, considerando anche le qualità estetiche del nuovo prodotto e le possibilità di incremento del mercato.