Attività

Il progetto si concretizzerà attraverso la realizzazione delle seguenti azioni:

  • caratterizzazione delle materie prime utilizzabili e identificazione dei siti di produzione di rifiuti stabili;
  • studio e sviluppo di 3 precursori di composti geopolimerici e di agenti schiumogeni utilizzabili, possibilmente derivanti da scarti industriali;
  • test di laboratorio per determinare le condizioni migliori di solidificazione e i trattamenti possibili per velocizzare la demolizione: caratterizzazione termo-chimica-meccanica dei geopolimeri ottenuti;
  • studio e progettazione di stampi planari strutturati e anti-aderenti, o con rivestimenti permanenti o temporanei;
  • realizzazione del prototipo degli stampi e utilizzo di questi in congiunzione con i precursori dei composti di geopolimeri;
  • dimensionamento di una stazione per la pesatura automatica e di un gruppo di macinazione, inclusa la fase di setaccio, per il mescolamento del composto liquido di precursori e correzione della viscosità;
  • progettazione e realizzazione di una stazione di formatura e di una stazione di sformatura;
  • studio, progettazione e realizzazione di una cabina di trattamento per la fase di post-sformatura per la solidificazione finale ad umidità e temperatura controllata;
  • dimensionamento e costruzione di una stazione di rettifica/taglio/pulitura e di finitura della superficie del prodotto;
  • assemblaggio delle singole stazioni in una linea di produzione continua o semi-continua e valutazione delle potenzialità di produzione della linea quando opera simultaneamente;
  • bilancio di massa ed energetico della linea pilota e quantificazione finale dei benefici effettivamente raggiunti in termini di riduzione diretta o indiretta delle emissioni, di risparmi energetici e di riciclaggio di rifiuti.

A queste attività, prettamente tecniche, si affiancherà un’altrettanto importante attività di diffusione dei risultati del progetto e di disseminazione, al fine di estendere la conoscenza delle politiche comunitarie ambientali e dello strumento LIFE+ in particolare, nonché per contribuire ad accrescere la coscienza ecologica delle persone interessate al progetto.